“The House with a Clock in Its Walls” – DVD release date and features +Trailer, Still and Interviews

“The House with a Clock in Its Walls” – DVD release date and features +Trailer, Still and Interviews

Hello Everyone!

The release date for “The House with a Clock in its Walls” DVD has been announced, it will be out in Digital on November 27 and in Blu-ray & DVD on December 18.

Among the news of the DVD release date, DVDActive.com has published the details of the DVD content, with a lot of extra material included. Take a look!

Further Details:
Universal Pictures Home Entertainment has announced the Blu-ray Combo Pack (BD/DVD/Digital HD), 4K Ultra HD (4K UHD/BD/Digital HD), and DVD releases of Eli Roth’s The House with a Clock in its Walls.

Blu-ray exclusive extras will include:
Warlocks and Witches – Go behind the scenes with the enchanting cast of The House with a Clock in Its Walls:
Finding Lewis – A look at the casting of Owen Vaccaro
Jack’s Magical Journey – A look at the unique dynamism and magic that Jack Black brings to the character of Jonathan Barnavelt
The Great Cate – The cast discuss Cate Blanchett’s wonderful performance as Florence Zimmerman
[i]The Terrifying Isaac Izard – Watch Kyle MacLachlan’s creepy evolution from living icon to undead-warlock
Movie Magic:
The Ultimate Haunted House – Join filmmakers for a guided tour through the incredible house at the center of the film
Automatons Attack – A behind-the-scenes look at the mechanical horrors involved in this chilling sequence
Pumpkin Puke – Behind the scenes with the cast and an army of spooky, snarling, vomiting pumpkins
Moving Pieces – Filmmakers and cast discuss the amazing clock room set
Baby Jack – A behind-the-scenes look at the creepy Baby Jack sequence
Tick Tock: Bringing the Book to Life – Filmmakers discuss how they adapted the book for the big screen
Eli Roth: Director’s Journals – Director Eli Roth takes viewers behind the scenes:
Candler Mansion
Newnan, GA
The Chair
Comrade Ivan
New Zebedee Elementary
Wrap Day
Owen Goes Behind the Scenes – Armed with his own camera, Owen guides viewers on his own journey behind-the-scenes of the movie:
Around the Set
Behind the Camera
The Big Interview
Downtime on Set
[i]Theme Song Challenge – Eli Roth and the cast are challenged to come up with a theme song for the film
Do You Know Jack Black? – The cast compete with each other to see who knows Jack Black the best
Abracadabra! – Eli Roth performs a magic trick for Owen Vaccaro
Jack Black’s Greatest Fear – Eli Roth and Owen Vaccaro play a prank on Jack Black
The Mighty Wurlitzer – Composer Nathan Barr discusses how he created the film’s unique and distinct score

The other extras, which will be included on 4K UHD, BD, and DVD discs, include:
Alternate Opening and Ending with Commentary by Director Eli Roth and Actor Jack Black available
Deleted Scenes with Commentary by Director Eli Roth and Actor Jack Black available
More Books, Please
A Horrible Practical Joke
Tarby Ditches Lewis
Eat Up
Play for Him
Get Out of the Way
Time Is of the Essence
The Clock That Never Breaks
12 Minutes to Go
Gag Reel
Feature Commentary with Director Eli Roth and Actor Jack Black

Source

Even when we have news on the DVD release date already, the movie is still playing around the globe, meaning that new material is still coming out. We have a new Chinese trailer, new interviews and we have added three posters and stills from the movie to our gallery. Enjoy!

Click on the image to download the HQ version available in the gallery


Click on the image to download the HQ version available in the gallery


UPDATE: one more video and a know promotional clip in a different size. Enjoy!

Cate Blanchett to Star as Anti-Feminist Phyllis Schlafly in Limited Series ‘Mrs. America’ for FX

Cate Blanchett to Star as Anti-Feminist Phyllis Schlafly in Limited Series ‘Mrs. America’ for FX

Hello Blanchetters!

Cate Blanchett is finally heading to television! After guest starring as a Marina Abramovic-type performance artist in an upcoming episode of IFC’s Documentary Now! Cate is set to play Phyllis Schlafly, conservative anti-feminist activist, in a limited series by FX. Read full article below:

In a coup for FX, Cate Blanchett is set to star as conservative firebrand Phyllis Schlafly in the limited series “Mrs. America,” recounting the modern history of the women’s movement.

“Mad Men” and “Halt and Catch Fire” alum Dahvi Waller is spearheading the project for FX Productions. Waller and Blanchett will exec produce alongside Stacey Sher and Coco Francini. FX has ordered nine episodes with production set to begin next year.

“Cate Blanchett is one the great actors of our time — and we are truly honored to have her star in “Mrs. America,’ ” said FX CEO John Landgraf. “We have no doubt that Cate is the perfect actor to play the role of Phyllis Schlafly, who was one of the most polarizing and fascinatingly complex figures of the ‘70s for her opposition to and role in defeating the Equal Rights Amendment, which to this day has never been ratified. Dahvi Waller’s scripts are extraordinary, and I’m thrilled to re-unite with my former Jersey TV partner Stacey Sher, and commend her on assembling such a dynamic foursome of gifted, female, artist-producers to take on this timely story.“

FX said the series would explore the rise of feminism and the push for the Equal Rights Amendment through the eyes of both Schlafly, who led the backlash to the work of second-wave feminists including Gloria Steinem, Betty Friedan, Shirley Chisholm, Bella Abzug, and Jill Ruckelshaus. The show promises to look at how the tension over the female empowerment movement helped changed the political and cultural landscape.

Schlafly waged a campaign against the passage of the ERA as well as against the legalization of abortion and the burgeoning gay rights movement. She was a self-described housewife activist from Illinois who wound up earning a law degree and remained active as a conservative commentator for decades. She died in 2016 at the age of 92.

The high-wattage “Mrs. America” is a notable get for FX at a time when the TV business is riveted to the growth and influence of Netflix as it seeks out A-listers for exclusive programming deals. “Mrs. America” marks Blanchett’s first U.S. TV series role.

The greenlight for “Mrs. America” also comes at a time when women’s empowerment and gender parity concerns have been making headlines for more than a year. The outpouring of testimonials about sexual harassment and assault in the workplace has heightened the national focus on issues of equality and diversity in the workplace, particularly in the entertainment industry.

“I feel privileged to have this opportunity to collaborate with Dahvi, Stacey, and Coco under the robust and fearless FX umbrella,” said Blanchett. “I am extremely excited about delving into the material as there couldn’t be a more appropriate time to peel back the layers of this recent period of history, which couldn’t be more relevant today.”

Blanchett is a six-time Academy Award nominee and two-time winner, known for the wide range of material she has tackled since her career took off in the early 1990s. Blanchett got her start on stage and on TV in her native Australia. She won the supporting actress Oscar for 2005’s “The Aviator” and lead actress for 2014’s “Blue Jasmine.”

She was most recently on screen this summer in Warner Bros.’ heist movie “Ocean’s 8” and the family-friendly thriller “The House With a Clock in Its Walls.” She also served as president of the jury at this year’s Cannes Film Festival.

“It is a thrill to have the extraordinary Cate Blanchett bring this controversial woman to life, and I can’t think of a better network for this bold series than FX.” Waller said.

Waller worked on three seasons of AMC’s “Mad Men” and two seasons of another AMC period drama, the 1980s-set “Halt and Catch Fire.” Her other credits include Netflix’s “Bojack Horseman,” ABC’s “Eli Stone” and “Desperate Housewives” and NBC’s “American Odyssey.”

Sher previously worked with Landgraf at Danny DeVito’s Jersey Films. She was a partner and Landgraf ran the television wing before he took the helm of FX in 2004. Francini is a movie veteran who at present serves as VP of Activision Blizzard Studios, where she’s spearheading the effort to develop films and TV shows based on the video game giant’s trove of IP.

“Mrs. America” is another sign of FX’s expansion of its programming slate amid TV’s heightened competition. The cabler, which is poised to change hands from 21st Century Fox to Disney next year, has increasingly been freshening its schedule on a year-round basis with limited-run series and anthology dramas that reinvent themselves every season. There’s no word yet on a target airdate for the series.

Source

Britannia Awards 2018

Britannia Awards 2018

Cate Blanchett attended the Britannia Awards 2018 yesterday evening, where she was awarded the Stanley Kubrick Award for Excellence in Film. Enjoy!







New trailer for How To Train Your Dragon 3: The Hidden World

New trailer for How To Train Your Dragon 3: The Hidden World

Hey Everyone!

A new trailer for How To Train Your Dragon 3: The Hidden World has been released! Cate Blanchett is back as Valka in the movie franchise. Take a look!




Website: https://www.howtotrainyourdragon.com
The movie is set to premiere 22 February 2019 in the US.

Rome Film Festival – Additional videos

Rome Film Festival  – Additional videos

Hello Everyone!

Today we are bringing more videos from “The House with a Clock in Its Walls” premiere at the Rome Film Festival from last friday. Enjoy!


Wirtschaft

Virgilio

Rai

Rai masterclass

SMTV san marino

Sky news


Rome Film Festival – Additional Content

Rome Film Festival – Additional Content

Hi everyone!

Cate attented four events during the 13th Rome Film Festival. Here are some new content related to this visit to Rome. Enjoy!!!

A margine dei suoi impegni per la presentazione de Il mistero della casa del tempo, la due volte premio Oscar Cate Blanchett ha partecipato a un incontro ravvicinato con il pubblico di RomaFF13.

Il primo film di cui ha parlato Cate Blanchett è stato Il curioso caso di Benjamin Button (David Fincher, 2008).
Mi sento romantica, soprattutto stasera. Ho accettato il film perché sono appassionata di tanti suoi elementi, come lo sceneggiatore Tim Roth, il regista David Fincher e Brad Pitt. Brad era così orrendo che è stato davvero difficile fingere di provare qualcosa per lui (ride, ndr)!. Il mio personaggio e le immagini mi hanno colpita, soprattutto l’ultima scena, con Daisy che guarda morire Benjamin, ormai diventato un infante. Tutte le madri sanno cosa si prova durante quella scena, perché pensano che prima o poi il figlio morirà e loro moriranno. Come ha detto Thomas Stearns Eliot, in my end is my beginning (nella mia fine è il mio principio), questo è il senso.

Il secondo film affrontato da Cate Blanchett è stato Carol (Todd Haynes, 2015)
Durante le attività stampa di Carol, mi sono sorpresa nel ricevere continuamente domande sulla mia sessualità, mentre per altri film non mi avevano mai fatto domande, per esempio, sulle mie capacità psichiche. In me ha suscitato una profonda sorpresa il fatto che il mio genere sessuale fosse improvvisamente diventato un argomento di cui discutere. Interpretare un ruolo secondo me significa creare un punto di vista universale su un personaggio, per cui il mio genere per me non è mai stato un problema, e non lo sarà finché non mi chiuderà una porta. Ci aspettiamo sempre di trovare affinità col personaggio, mentre per me la recitazione è antropologica, perché mi connetto con persone diverse da me e di epoche storiche diverse. Il grande piacere per me è capire cosa muove le persone, cosa le motiva.

Carol per me è stato come un parto d’amore. Avevo letto al liceo il romanzo, ma alcuni anni fa il progetto era molto più difficile, essendo incentrato su due donne lesbiche che non lo nascondevano negli anni ’50, però per fortuna da allora le cose sono cambiate. È stato comunque molto faticoso trovare produttori, ma queste difficoltà sono state un ulteriore incentivo per farlo.

Il successivo film affrontato da Cate Blanchett è stato Bandits (Barry Levinson, 2001), che ha stimolato una riflessione sulle differenze fra il cinema e il teatro
Quando ho iniziato a lavorare non mi sarei mai aspettata di arrivare al cinema. Mi dicevano che avevo 25 anni e che mi dovevo sbrigare perché stavo diventando vecchia. Per fortuna, le cose non funzionano più così. Ho fatto 2 film con la Fox, questo con Levinson e uno con Isabelle Huppert, che sarà su questo palco domani. Penso sia utile passare dal cinema al teatro, perché il teatro ti dà una percezione del pubblico. Uno aiuta l’altro. Il cinema mi ha invece portata a valutare le possibilità delle grandi inquadrature e dei primi piani. Se mi puntassero una pistola alla testa e mi costringessero a scegliere fra i due probabilmente sceglierei il teatro, perché c’è un rapporto visibile col tuo pubblico e perché è un lavoro di squadra.

Nei film, c’è un aspetto letterale, c’è un lavoro di narrativa sul personaggio che offre grande elasticità. Se a teatro vedi una schifezza non ci torni più, mentre al cinema ci vai lo stesso. A teatro però il pubblico è molto più coinvolto e ogni sera è un’esperienza diversa. Il film è un oggetto più compiuto in sé.

Cate Blanchett ha poi parlato di Diario di uno scandalo (Richard Eyre, 2006), nel quale ha lavorato accanto a un mostro sacro come Judi Dench
Judi è fantastica, e quando lavori con attrici di questo calibro il tuo lavoro acquista la qualità dell’altra persona. Quando fai un film che è tratto da un romanzo, non sempre la fedeltà al testo originale aiuta. La scena della lite, per esempio, l’abbiamo dovuta rigirare, e Judi aveva dietro di se una specie di tartaruga per darmi margine per spingerla. Lo sceneggiatore era sempre con noi, tutto è diventato molto fluido e provavamo e riprovavamo le battute. Vi racconto un aneddoto emblematico: a Judi piace molto lavorare a maglia; ha preparato una fodera per il cuscino per il regista Richard Eyre, e ci ha scritto sopra una sfilza di “fanculo”.

A seguire, è stato il turno di Io non sono qui (Todd Haynes, 2007), in cui Cate Blanchett ha interpretato Bob Dylan
L’idea di partenza per il film era quella di un’opera teatrale. Quando qualcuno ti fa una proposta così folle, devi assolutamente dire di sì. Solo pochi potrebbero rappresentare un personaggio in 6 parti con 6 attori diversi, ma tutti noi eravamo in questo viaggio e volevamo sapere dove ci avrebbe portato. Io stavo girando Elizabeth: The Golden Age, e se lo vedete noterete che continuavo a perdere peso per tutto il film, perché mi stavo preparando al ruolo che avrei dovuto fare. Adoro Bob Dylan, mentre lo studiavo ero totalmente presa da lui, ed è stato l’unica volta che mio marito è stato geloso. Non so se ha mai visto il film, io comunque non ci ho mai parlato.

Il successivo film affrontato da Cate Blanchett è stato Blue Jasmine (Woody Allen, 2013), grazie al quale ha ottenuto l’Oscar come migliore attrice protagonista
Penso che come avviene per molti registi sceneggiatori, la regia avviene attraverso il testo, per cui una grande sceneggiatura o testo teatrale contengono già molte informazioni, e a quel punto si tratta solo di fare gioco di squadra. Liv Ullmann era venuta in Australia per dirigere una versione teatrale di Un tram che si chiama Desiderio, in cui io avevo interpretato la protagonista Blanche. In seguito l’abbiamo portato in America, e credevo che Woody l’avesse visto, considerando le somiglianze fra le due opere. Quando gliel’ho chiesto, lui mi ha detto che non l’aveva visto e non voleva sentire parlare di Un tram che si chiama Desiderio. Il mio corpo conservava però qualcosa di quel ruolo e questo mi ha aiutata molto. Nel cinema non funziona molto l’eccesso di pensiero e c’è chi dice che le prove servono solo per riportare l’attore indietro all’atmosfera iniziale, che era già quella ottimale.

L’ultimo film da lei interpretato affrontato da Cate Blanchett è stato The Aviator (Martin Scorsese, 2004), grazie al quale ha conquistato l’Oscar come miglior attrice non protagonista nei panni di Katharine Hepburn
Sono cresciuta divorando i film con Katharine Hepburn e ammirando la strada che lei ha aperto alle donne al cinema. Stavo lavorando a The Missing di Ron Howard, e il mio agente mi ha chiamata dicendo che Martin Scorsese mi aveva cercata e mi avrebbe richiamata dopo mezz’ora. Io stavo accanto al telefono tremando, come se avessi il Parkinson. Non ricordo niente della chiamata, so solo di avere detto sì, entusiasta di lavorare con lui. Solo quando ho realizzato la difficoltà della parte mi sono spaventata.

Cate Blanchett ha poi scelto di mostrare al pubblico una scena di un film a cui lei non ha partecipato ma a cui tiene particolarmente, cioè La sera della prima (John Cassavetes, 1977)
Consiglio caldamente a chi non avesse visto questo film di vederlo, perché è straordinario. È la storia di un’attrice di Broadway che vede arrivare il suo tramonto. La recitazione e il ruolo di Gena Rowlands sono straordinari, perché riesce a entrare in quello spazio fra il ruolo e la persona che lo interpreta; ha una capacità straordinaria di creare l’emozione di una persona che si distrugge mentre crea un personaggio. È stata grande fonte di ispirazione per me.

In chiusura di incontro, Cate Blanchett si è prestata a un ultimo veloce gioco, ovvero associare una parola a 3 grandi registi con cui ha lavorato. A Martin Scorsese ha associato la parola ilare, mentre per Woody Allen ha scelto enigma. Steven Spielberg invece? La riposta è stata vorace.

Source

Cate Blanchett brinda a champagne nella Coppa Volpi – Read Article Here